BLOG

Condividi questo Post da DHIO

5 COSE DA NON FARE QUANDO VAI AD UN CONCERTO

È sempre tempo di concerti, che sia musica italiana o straniera.
Avere la possibilità di assistere ad un live del nostro cantante/gruppo preferito e condividere le emozioni dell'attesa è senza dubbio meglio di starsene a casa a guardare il concerto in TV.
Ecco allora secondo la nostra blogger Fede, le 5 cose da non fare quando andate ad un concerto, come dire, un piccolo manuale di sopravvivenza alla serata.


 1) INDOSSARE CAPI D'ABBIGLIAMENTO SCOMODI.



Sì. Lo so, lo so. La tentazione di indossare quella minigonna in pelle con le calze strappate e gli anfibi che fa tanto indie wannabefashionblogger è davvero grande. Ma volete davvero passare l'intera serata a tirare giù la gonna, su le calze, giù la t-shirt? Non è forse meglio poter saltare liberamente come canguri epilettici mentre la vostra band del cuore suona il vostro pezzo preferito? Siate furbi e non fate come me che, al concerto dei Radiohead, ho passato ¾ del tempo a sistemarmi le calze che mi premevano sullo stomaco in una morsa letale che non auguro al mio peggior nemico.


2) BERE BIRRA.



Ahahahahah. Già vi vedo che ribaltate gli occhi come la bambina dell'esorcista. La birra demmmerda ghiacciata e spinata da culo, rigorosamente servita in bicchieroni di plastica è UN'ISTITUZIONE e rinunciarci è un'impresa ardua che, a confronto, scalare l'Everest con un tacco 15 è na minchiata. Se non seguirete questo consiglio però, vi ritroverete in fila ai bagni chimici e mentre fuori lagggente salta, canta, batte le mani rigorosamente fuori tempo, voi starete disperatamente cercando di farvi luce col cellulare per non pisciarvi sulle scarpe, maledicendo il giorno in cui ve ne siete fregati del richiamo per l'antitetanica. Se poi di rinunciare alla birra non se ne parla, vedete almeno di calcolare i tempi di reazione della vostra vescica, cercando di svuotarla per tempo.


3) ANDARE “ALLO SBARAGLIO”.



Piccola precisazione: questo punto vale solo se il concerto è “grosso”. Nessuno pretende che conosciate l'intera scaletta del gruppo metal scandinavo o della band indie formatasi nel lontano 2014 a Busto Arsizio. Però se vi regalano i biglietti per i “Depeche Mode” di cui fino al giorno prima ignoravate l'esistenza, RECUPERATE al più presto e presentatevi la sera del concerto conoscendo ALMENO i pezzi più famosi, altrimenti vi sentirete come un extracomunitario ad un corteo di Salvini, come Giuliano Ferrara in mezzo agli angeli di Victoria's Secret, come Gasparri in una biblioteca.


 4) PARLARE DEGLI AFFARI VOSTRI.



Esiste una sola grande regola, MADREH di tutte le regole e va rispettata come il codice stradale: quando il concerto inizia ci si tappa la bocca e si smette di blaterale con l'amico dei propri cazzi che, seriamente, a nessuno frega una minchia lessa. Perché se fate parte di quella categoria di imbecilli che va ai concerti o al cinema per parlare e disturbare quelli accanto, allora fatece un piacere: RIMANETE A CASA così risparmiate soldi voi e incazzature noi.


 5) DIMENTICARE IL DEODORANTE.




Questo è un appello disperato agli spilungoni che, a metà concerto, iniziano a denudarsi e a mostrare con fierezza il petto villoso e sudaticcio. Io non dico che non potete farlo, ma esiste in commercio una cosa che oggi chiamiamo “deodorante”, che sicuramente non vi impedirà di sudare, ma almeno non vi farà puzzare come alpaca peruviani. Fate un piacere a quelle che, come me, sono alte tre mele o poco più e devono passare interminabili ore a stretto contatto con l'olezzo delle vostre ascelle pezzate. GRAZIE.


 La Fede.


 

Commenti post

COMMENTA
 

Commenti

Cristel Naibo ho scritto:

Aspetto il prossimo! Perché sei un miiitoooo!!!♡♡♡

14:07:32
Mercoledì 02
dicembre

Eventi sponsorizzati